La "cartolina" di Shepp